Fai SEO? Ecco quello che dovresti fare almeno 1 volta al mese

Durante ogni progetto SEO il tuo pensiero è fisso sul cliente, sulla tua (innata) capacità di fargli un buon lavoro… e sul desiderio di farti pagare. Sbaglio?

Partiamo dall’inizio. Hai appena ottimizzato il sito web del tuo cliente e non ti resta che aspettare il responso del grande capo (Gugool). Non sai se il lavoro che hai appena terminato è da fuffarolo o da guru, ma almeno all’inizio sei tranquillo.

Passa 1 settimana, dai una sbirciatina superficiale tra i vari strumentini di analisi (…tanto è ancora presto….), noti che qualcosa si sta muovendo e chiudi fiducioso (con qualche dubbio).

Passa un 1 mese e le cose continuano ad andare a rilento. Le domande che ti martellano in testa sono le solite:

Cosa posso fare? Dove posso guardare?

Allora apri la Search Console, un clic qua e là e sembra tutto in ordine. Poi apri Google Analytics e il grafico della visite stagna con le rane che gracidano. 🙂

Ti alzi dalla scrivania, decidi di prendere un caffè… lo bevi ma non ti sei accorto nemmeno di averlo preso. Tra un sorso e l’altro ti viene in mente il sito che “vorresti migliorare”, il cliente che “dovrebbe pagarti” e una giusta motivazione affinchè lui possa farlo.

Hai qualche rimorso, tutto è fermo (o quasi). Il sito non si muove… e nemmeno tu!

Ammettiamolo! Non è sempre colpa tua. L’ottimizzazione per i motori di ricerca è un’attività complessa e differente per ogni business (a meno che tu ne gestisca 1).

Qui voglio darti solo qualche microscopica indicazione per farti sorseggiare “tranquillamente” un caffè almeno 1 volta al mese! E’ quello che faccio io quando ho voglia di fare una pausa rilassante.

Cosa serve?

  1. Bastano 10 minuti
  2. Uno strumento “a graaatis”
  3. Qualche clic per fare una rapida indagine

Premesso che ho deciso di scrivere questo post perché adoro la nuova Search Console di Google, hai capito anche che lo strumento a graaatis è proprio lui!

Vediamo come fare una rapida indagine.

(Se pensi di essere un guru ….non volermene….)

Analizza le pagine/query di ricerca

Una volta dentro la Search Console (nell’immagine in basso sono indicati i vari punti):

  1. vai in Traffico di ricerca/analisi delle ricerche;
  2. seleziona le 4 metriche: Clic, Impression, CTR, Posizione;
  3. seleziona come periodo gli ultimi 90 giorni, in modo da avere un lasso di tempo sufficientemente ampio su cui ragionare;
  4. clicca sul raggruppamento pagine: avrai nella sezione in basso un elenco di pagine del tuo sito web con i valori delle 4 metriche appena selezionate;
  5. ora clicca su impression in modo da visualizzare le pagine in ordine decrescente di visualizzazioni in SERP (tante impressions = tante ricerche);
  6. individua la pagina che ha una posizione media da ottimizzare (nell’esempio 10,4) e cliccaci sopra.

searchconsole-urlFatto?

7. Ora vai sul raggruppamento “query” per scovare tutte le query per cui quella pagina è posizionata (che figata!)
8. Guarda nella sezione in basso (lista delle query) e clicca sulla colonna impressions in modo che la lista sia ordinata in modo decrescente.
9. Individua le query più ricercate (tante impressions) per cui è posizionata “maluccio” la tua pagina (quella del cliente… colui che dovrebbe pagarti…).

searchconsole-queryFatto? Alzati e vai a prendere un caffè (anche se con 9 clic non te lo sei proprio meritato!).

Ottimizza l’evidenza

A questo punto è arrivato il tuo momento.

Rivedi l’ottimizzazione della tua pagina per queste query (quelle più ricercate), migliorala, spacca! (Ri)ottimizza l’ABC (title, description, url,…) tenendo conto delle query di ricerca appena scovate.

Crea nuovi contenuti in modo che tu possa potenziare la visibilità per le query più rilevanti.

Se necessario, lavora off-site caricando la pistola spara link.

Esagera

Al punto 7., visto che ci sei arrivato, osserva anche le query con una buona posizione ma con uno scarso CTR: potrebbe essere necessario ottimizzare title e/o description per invogliare di più il clic degli utenti.

Interessante può essere la situazione inversa: query con scarsa posizione e buon CTR. Si tratta di ricerche redditizie che meritano di essere approfondite con nuovi contenuti e/o ottimizzando la pagina che stai analizzando.

Itera

Ripeti l’operatività descritta per le altre pagine che meritano di essere ottimizzate.

Tutto qui? No, non essere pigro. E’ bene che tu faccia queste verifiche periodicamente per le pagine più significative, in modo da analizzare l’evoluzione dei tuoi interventi di ottimizzazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e desideri leggere i prossimi, puoi iscriverti fin da subito alla newsletter, lasciando la tua email. Infine se ti va, condividilo sui Social.

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter

Si prega di attendere ...

Diventa FAN della nostra pagina su Facebook. Ogni giorno pubblichiamo tante novità sul Web Marketing!

Lasci un commento