Impariamo a fare SEO da Wikipedia

La SEO é osservazione. Osservare le risposte in SERP e i siti ben posizionati rappresenta una buona strategia per avere le giuste intuizioni.

Proprio così. Ci sono siti web da cui spesso traggo ispirazione per i miei progetti. E’ sufficiente una ricerca, osservare la SERP e analizzare i siti posizionati. E quando un sito me lo ritrovo sempre “tra le… SERP”, merita di essere osservato sotto la lente di ingrandimento.

Sto parlando di Wikipedia, un sito altamente trusted (con il quale non oserei competere) che mi ha regalato più volte  interessanti spunti di riflessione.

Imparare la SEO da WikipediaOsserviamo Wikipedia

Wikipedia rappresenta il sito web SEO friendly per eccellenza! Una sua analisi esaustiva richiederebbe non questo post ma un’intera opera.

Tra migliaia di esempi, mi vorrei soffermare su uno dei tanti articoli pubblicati su Wikipedia:

Impianto dentale

Come avrai certamente notato, ogni pagina di Wikipedia è suddivisa in diverse sezioni a cui è possibile saltare attraverso un’indice:

toc wikipediaGuarda l’indice qui in alto e soffermati sulla prima voce: “tipologia e strutture”.

Fai ora una ricerca su Google per “tipologia impianto dentale”. Cosa trovi in SERP? Uno snippet arricchito del link verso quella specifica sezione:

jump-1Si tratta di un Rich Snippet derivante dall’implementazione dei Jump to Link. Non preoccuparti sul significato e su come implementarli, lo vedremo più avanti! 🙂

Ora, noterai sicuramente lo stesso risultato anche per altre ricerche legate alle diverse sezioni di approfondimento.

Esempio per un ricerca tipo “materiali impianto dentale”:

jump-2E cosi via…!

Di cosa si tratta?  Semplicemente di un contenuto che risponde a “diverse domande” in modo strutturato. Le domande sono quelle sintetizzate nell’indice, le risposte sono dettagliate nel contenuto. Si tratta di una struttura che viene premiata dal motore di ricerca attraverso l’introduzione delle voci dell’indice nello snippet della description.

Ora aldilà che si tratti Wikipedia e che si posiziona (ovviamente) bene sia per parole chiave secondarie (tipologia, materiale), che per la chiave principale “impianto dentale”, la domanda è:

avere un contenuto che risponde a più domande specifiche degli utenti, aiuta a posizionarsi bene per le chiavi secondarie e principali?

Nella SEO on-page, uno dei lavori è proprio questo: allargare il campo semantico di rilevanza del topic principale rispondendo a più domande possibili.

Devi comunicare al motore che il tuo contenuto è in grado di rispondere a tutte le domande, sia a quelle “principali” che a quelle “secondarie”.

Risultato?

  1. Stai potenziando il topic principale.
  2. Ti stai posizionando per le tutte domande a cui hai risposto.

Pensaci bene: dare più risposte vuol dire ridurre il rischio che il tuo contenuto NON risponda perfettamente a tutte le esigenze dell’utente.

Progettazione dei contenuti

Torniamo ora con i piedi per terra, facciamo tesoro di quanto imparato da Wikipedia e pensiamo al nostro sito web.

La prima cosa da fare è individuare le domande a cui rispondere.

Un modo semplice può essere quello di affidarsi a tools di Suggest, provando a costruire una mappa di possibili domande.

Vuoi un esempio di mappa? Eccola!

mappa chiavi correlateSe vuoi approfondire, ti consiglio di leggere questo post di Giovanni Sacheli sulla generazione della lista di parole correlate.

Altro modo, sicuramente più impegnativo che integra la precedente analisi, potrebbe essere quello di frequentare le piazze sociali (forum, blog, social) e intercettare tutti i bisogni che ruotano attorno al nostro topic principale.

Ora, esattamente come fa Wikipedia, bisogna dividere il contenuto in sezioni, ciascuna delle quali dovrà rispondere ad una delle domande intercettate.

2 cosette da fare:

  1. assegna un titolo a ciascuna sezione in modo che il titolo contenga la domanda intercettata.
  2. Inserisci una sezione in testa al tuo contenuto con l’indice delle tue risposte

Nel punto 2. sto parlando dei Jump to Link, un elenco di collegamenti che con un clic consentono di saltare in punto preciso della pagina.

Utilizzi WordPress? Installa allora il Plugin TOC+ (Table of Content Plus) e il giochino è fatto!

Come puoi notare, i Jump to Link li ritrovi anche in questo post che stai leggendo.:-)

La cosa importante è che potrai ottenere lo stesso effetto di Wikipedia: uno snippet arricchito (rich snippet) con un link verso la nostra sezione interna.

Un esempio in cui ho applicato questa tecnica in un mio post? Eccolo!

Un articolo ottimizzato per “preventivo seo bologna”:

jump to link preventivo seo bolognaFacciamo un esempio più approfondito…

Supponiamo che la nostra chiave principale sia cuscini ortopedici.

Usando i vari tool di Suggest scopro che ci sono parole chiave secondarie tipo:

  • cuscini ortopedici per il collo
  • cuscini ortopedici lattice
  • cuscini ortopedici vendita online
  • cuscini ortopedici neonato
  • cuscini ortopedici schiena
  • cuscini ortopedici gambe

Concentriamoci su schiena e gambe e rispondiamo a queste domande:

Perché usare cuscini ortopedici? Quali sono i benefici per chi ha problemi di schiena? Quale sollievo per le gambe?

In fase di pubblicazione del contenuto, quello che devi fare è progettare accuratamente le headlines delle diverse sezioni e attivare il TOC in modo che venga generato in automatico un indice degli argomenti.

headline h1 struttura contenutoheadline h2 struttura contenutoSta a te organizzare e strutturare le singole sezioni, senza tecnicismi e usando unicamente la “capoccia”!

Conclusione

La completezza delle informazioni in un contenuto può migliorare il posizionamento? Si, se rispondi alle domande giuste analizzando i reali interessi.

Attenzione però! Completezza delle informazioni non vuol dire necessariamente contenuto “lungo”! Potresti scrivere un contenuto “non lungo” che risponda in maniera precisa alle domande per cui quel contenuto è stato scritto.

L’obiettivo è rispondere!

Questo articolo è la sintesi di considerazioni derivanti da risultati ottenuti sul campo. Lascio a te le personali considerazioni nei commenti.

Se ritieni questo articolo interessante, condividilo sui Social! 🙂

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla Newsletters!

Diventa FAN della nostra pagina su Facebook. Ogni giorno pubblichiamo tante novità sul Web Marketing!

Lasci un commento